lunedì 22 febbraio 2016

Thoth - il cerchio

CODEX ATLANTIS
 prima lectio

Messaggio del Dio Thoth
E’ importante il cerchio”, ci dice Thoth,
perché il cerchio non ha inizio e non ha fine,
il cerchio non ha confini,
il cerchio è unione e fratellanza,
il cerchio è il centro:
il centro di voi stessi, ma anche il centro dell’Universo.

Il cerchio è l’energia che si muove e scorre nel senza tempo,
è all’interno del cerchio che le energie si formano e che gli elementi si fondono,
ed è in cerchio che si gira.

E nel circondare c’è protezione, anche quando vi abbracciate formate un cerchio,
il cerchio è la mamma che protegge il suo bambino,
il cerchio è l’uomo che protegge la sua sposa,
ed è lo stesso cerchio che rappresenta il Divino,
e persino il punto è un cerchio,
un cerchio piccolo che si dilata nell’infinito.

E ancora il cerchio appartiene all’acqua,
che contiene l’acqua, in un movimento appunto circolare;
anche il calderone è un cerchio e persino l’uovo, è formato da due cerchi,
la vescica piscis”, che vi riporta
alla condizione primordiale dell’uomo.

Voi oggi siete entrate in contatto con uno spazio di arricchimento,
di istruzione, di insegnamento,
che si svilupperà e vi porterà nuove visioni, nuovi atteggiamenti, nuove sicurezze.

Stare nel cerchio significa stare collegati con il Divino,
entrare nel cerchio ha il significato del passare oltre,
del confinare l’esterno per rivolgersi al proprio interno,
ed è questo il lavoro che farete e che vi aspetta in questo anno,
con la mia benedizione, il mio sostegno, il mio incoraggiamento.

Io pongo un piccolo sole dentro i vostri cuori e vi benedico.

Thoth l’Antico”.


7 novembre 2015

Google+ Followers

Google+ Badge